Taking too long? Close loading screen.

Riforma terzo settore: modifiche statutarie di odv e aps esenti da bollo e registro

Riforma terzo settore: modifiche statutarie di odv e aps esenti da bollo e registro

Le organizzazioni di volontariato (odv) e le associazioni di promozione sociale (aps) devono adeguare i propri statuti alle novità del CTS Codice del terzo settore (d.lgs. n.117/2017) entro il 3 febbraio 2019.

L’articolo 82 comma 3 del CTS prevede espressamente che gli atti che apportano le modifiche necessarie per adeguare gli statuti alla nuova normativa, sono esenti dall’imposta di registro.
Tutti gli atti di odv e aps sono esenti dall’imposta di bollo per la previsione di cui al comma 5 del medesimo art.82 CTS.

Odv e aps possono già usufruire delle agevolazioni di cui all’art. 82, per espressa previsione dell’art. 104 comma 1 del CTS, purchè adeguino i propri statuti al CTS entro il 3/2/2019 (art. 101 comma 2 CTS).

Le relative deliberazioni possono essere assunte con le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni assemblee ordinarie (art. 101 comma 2 CTS).
Si ritiene che in ogni caso le associazioni dotate di personalità giuridica debbano deliberare tali modifiche statutarie nella forma dell’atto pubblico (alla presenza del Notaio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

If you agree to these terms, please click here.