Taking too long? Close loading screen.

Autore - Marco Masi

Impresa sociale: completata la riforma

Sabato 11 agosto 2018 (il giorno dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) è entrato in vigore il d.lgs. n. 95/2018 “correttivo” del d.lgs. n. 112/2017. Si così completata, nell’ambito della riforma del terzo settore (legge 106/2016), la revisione della disciplina della “impresa sociale” introdotta nel nostro ordinamento dal d.lgs. n. 155/2006. L’impresa sociale (se si escluda la cooperativa sociale che oggi ne fa parte a pieno titolo, ma che è normata da una disciplina ad hoc) in Italia fino ad oggi [...]

Leggi di più...

Associazioni: ancora un anno per adeguare gli statuti

Nella seduta del 2 agosto scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto correttivo del Codice del Terzo Settore (d.lgs. n. 117/2017). Una tra le più importanti novità introdotte dal correttivo riguarda i termini entro i quali gli enti esistenti devono adeguare i propri statuti alle nuove disposizioni. Organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e onlus, che già possono fruire di numerose agevolazioni fiscali, devono adeguare i propri statuti alle disposizioni del Codice del Terzo Settore non più entro [...]

Leggi di più...

Le imprese sociali hanno tempo fino al prossimo gennaio per modificare i propri statuti e adeguarli al d.lgs. n. 112/2017 come di recente corretto

Lunedi 16 luglio 2018 il Consigli odei Ministri ha approvato il decreto legislativo correttivo del d.lgs. n. 112/2017 in materia di impresa sociale (uno dei pilastri della riforma del terzo settore approvata nel 2017). Una delle novità più rilevanti è la proroga di ulteriori sei mesi del termine previsto per le modifiche statutarie che le imprese sociali esistenti erano tenute ad adottare per adeguarsi alle previsioni del d.lgs. n. 112/2017. Il termine originariamente previsto è scaduto il 19 luglio 2018. La modifica [...]

Leggi di più...

Riforma terzo settore: le associazioni si possono trasformare in fondazioni

Una tra le più importanti novità introdotte dalla riforma del terzo settore (d.lgs. n. 117/2017) è senza dubbio la previsione di un nuovo articolo del Codice Civile : l’articolo 42 bis relativo a “trasformazione, fusione e scissione” di associazioni e fondazioni. Secondo tale nuova norma, inserita nel Primo Libro Titolo II (“Delle persone giuridiche”)del Codice Civile: “Se non è espressamente escluso dall’atto costitutivo o dallo statuto, le associazioni riconosciute e non riconosciute e le fondazioni di cui al presente titolo [...]

Leggi di più...

Riforma terzo settore: modifiche statutarie di odv e aps esenti da bollo e registro

Le organizzazioni di volontariato (odv) e le associazioni di promozione sociale (aps) devono adeguare i propri statuti alle novità del CTS Codice del terzo settore (d.lgs. n.117/2017) entro il 3 febbraio 2019. L’articolo 82 comma 3 del CTS prevede espressamente che gli atti che apportano le modifiche necessarie per adeguare gli statuti alla nuova normativa, sono esenti dall’imposta di registro. Tutti gli atti di odv e aps sono esenti dall’imposta di bollo per la previsione di cui al comma 5 del [...]

Leggi di più...

Le cooperative devono adeguare i propri statuti a quanto stabilito dalla legge di bilancio 2018

La legge di bilancio 2018 (legge 205/2017) all’art. 1 comma 936 ha introdotto due importanti novità in materia amministrazione delle società cooperative (al fine di contrastare il fenomeno delle cd “false cooperative”). 1) E’ stato modificato l’art. 2542 del codice civile: nelle cooperative non è più ammissibile la figura dell’amministratore unico. Le cooperative infatti possono essere amministrate solo da “un organo collegiale formato da almeno tre soggetti” (art. 2542 cc secondo comma). 2) E’ stato modificato anche l’art. 2383 del codice [...]

Leggi di più...

Entro luglio 2018 i correttivi alla Riforma del Terzo Settore: partito l’iter.

Nella seduta di mercoledi 21 marzo 2018 il “vecchio” Consiglio dei Ministri, in virtù di quanto previsto dall’art. 1 comma 7 della legge delega n.106/2016, ha approvato in sede preliminare due decreti legislativi che prevedono correttivi ai d.lgs. n. 112/2017 in materia di impresa sociale e n. 117/2017 relativo al Codice del Terzo Settore. E’ partito così l’iter per giungere alla modifica dei testi di riforma entrati in vigore nella scorsa estate. L’iter da seguire è complicato dal cambiamento istituzionale in [...]

Leggi di più...

Liberalità agli enti del terzo settore: già in vigore i nuovi incentivi

L’art. 82 del nuovo Codice del Terzo Settore (d.lgs. n.117/2017) ha incrementato i vantaggi fiscali per i soggetti che erogano liberalità agli enti no profit. I nuovi incentivi sono già in vigore dal primo gennaio 2018 per le erogazioni liberali effettuate a favore di organizzazioni di volontariato(odv), associazioni di promozione sociale (aps), Onlus e cooperative sociali. Le persone fisiche possono detrarsi dalle imposte il 30% di quanto erogato, per un importo non superiore a 30.000 euro all’anno. Se la erogazione liberale è [...]

Leggi di più...

Dal 2018 imposta di registro in misura fissa per gli immobili acquistati delle cooperative sociali

Una delle novità previste dal nuovo codice del terzo settore (d.lgs. 117/2017) è la reintroduzione della agevolazione in materia di imposte di registro/ipotecarie/catastali applicabili “in misura fissa” (anziché in misura ordinaria) per i diritti reali immobiliari acquistati a titolo oneroso dagli enti del terzo settore (art. 82 comma 4). Per fruire di tale agevolazione è necessario che gli immobili siano utilizzati entro cinque anni in diretta attuazione degli scopi istituzionali. Come tutta disciplina fiscale degli enti del terzo settore prevista dal [...]

Leggi di più...

Istruzione parentale: da quest’anno si cambia

La recente novella D. Lgs. 13 Aprile 2017 n.62 ha apportato delle modifiche in tema di istruzione parentale, ponendo maggiori obblighi in capo a coloro i quali detengono la responsabilità genitoriale. Non è stato scalfito il diritto, costituzionalmente tutelato, di adempiere all’obbligo scolastico anche privatamente, ai sensi dell’art 111 del D.lgs 16/04/94 n.297. L’ordinamento italiano ammette, infatti, la possibilità – per i genitori o per chi detiene la responsabilità genitoriale – di non far frequentare la scuola dell’obbligo ai minori, ma [...]

Leggi di più...