Taking too long? Close loading screen.

Diritto del lavoro

Appalto servizio di trasporto sanitario: per le ODV non serve Licenza NCC

Si segnala la recente sentenza del Consiglio di Stato in materia di procedura di affidamento del Servizio trasporto pazienti in ambulanza e trasporto disabili con autoveicoli non in emergenza con cui i giudici di Palazzo Spada hanno accolto le tesi sostenute dall’Avv. Marco Masi, in qualità di legale delle Associazioni aggiudicatarie della procedura, secondo cui in Emilia Romagna il requisito dell’accreditamento regionale è sufficiente per la partecipazione alla procedure di gara delle associazioni di volontariato e non occorre possedere...

Leggi di più...

Valutazione servizio militare prestato non in costanza di nomina

La giurisprudenza si è da tempo orientata nel senso di riconoscere il punteggio per il servizio militare prestato non in costanza di nomina, alla sola condizione di aver precedentemente conseguito il titolo di studio necessario per l’accesso nelle graduatorie. L’art. 485 del D.Lgs 297/1994 (“Testo Unico della Scuola”), nel disciplinare il “riconoscimento del servizio ai fini della carriera”, al comma 7, precisa: “il periodo di servizio militare di leva è valido a tutti gli effetti”. L’art. 2050 del D.Lgs. 66/2010 (Valutazione...

Leggi di più...
studio-legale-associato-nota-ministero-base-associativa-ets-imprese

Enti del Terzo Settore

“LE IMPRESE POSSONO COSTITUIRE O PARTECIPARE ALLA BASE ASSOCIATIVA DEGLI ETS E DETENERNE IL CONTROLLO” È quanto recentemente chiarito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in merito alla composizione della base associativa degli enti del Terzo Settore. Con nota n. 1082 dello scorso 5 febbraio 2020 il Ministero si è pronunciato in relazione alla possibilità, per gli Enti del Terzo Settore, di accogliere all’interno della propria base associativa delle imprese (incluse quelle for profit). Come chiarito, il Codice del Terzo...

Leggi di più...
studio-legale-associato-masi-01

Quando un “post” sulla bacheca digitale del lavoratore può portare al licenziamento?

Nell’era dei Social Network l’uso imprudente dei sistemi di messaggistica digitale, da parte di un lavoratore, può portare fino al licenziamento. È un terreno complesso e risulta in alcuni casi difficoltoso individuare un confine netto tra diritto di critica e superamento dei limiti del decoro e del lecito. I Social Network permettono agli utenti di pubblicare le proprie opinioni, dare sfogo ai propri pensieri, ma anche di accedere alle informazioni altrui; è opportuno, però, precisare come quest’ultimo aspetto dipenda, come...

Leggi di più...

Pronuncia del Tribunale di Bologna in tema di opposizione a precetto

Il Tribunale di Bologna con la sentenza n. 20778/2019 ha ribadito alcuni importanti principi in tema di opposizione a precetto. Nel caso di specie l’opponente fa presente una propria incapacità economica, da cui far emergere una “effettiva impossibilità” di contribuire al sostentamento della prole, collegata alla perdita del lavoro. L’oramai consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità, fatto proprio dal Tribunale di Bologna, prevede che “con l’opposizione al precetto relativo a crediti maturati per il mancato pagamento dell’assegno di mantenimento, determinato a...

Leggi di più...
tar-lazio-per-docenti-necessaria-abilitazione-insegnamento-studio-legale-associato-bologna

Tar Lazio: Per i docenti è ancora necessaria l’abilitazione all’insegnamento

Una recente sentenza del Tar Lazio (la n. 5828 del 1075/2019 della Sezione Terza Bis) ha ribadito che nel nostro ordinamento, senza interventi legislativi ad hoc, è ancora necessaria la “abilitazione all’insegnamento” per svolgere l’attività di docente (e per essere inseriti nella II fascia delle graduatorie di Istituto). Il Tar Lazio ha infatti escluso che per insegnare bastino la laurea e 24 Crediti Formativi Universitari (CFU), titoli che non sono equiparabili alla abilitazione, né la possono sostituire, in assenza di...

Leggi di più...
differenze stipendiali pre ruolo

Ricostruzione di carriera: riconoscimento delle differenze stipendiali per il servizio pre-ruolo su posti di sostegno

in tema di: diritto alle differenze stipendiali per il servizio pre-ruolo. Si segnala la recente pronuncia del Tribunale di Bologna, Sezione Lavoro, in materia di ricostruzione di carriera dei docenti che hanno prestato servizio pre-ruolo su posti di sostegno senza essere in possesso del titolo di specializzazione, prima dell’entrata in vigore della L. 124/1999, che ha visto accolto integralmente il ricorso presentato dall'Avv. Marco Masi. Con tale pronuncia il Giudice del Lavoro ha accertato il diritto della ricorrente a vedersi riconosciuto...

Leggi di più...

Sospensione dell’efficacia esecutiva di un Avviso di addebito emesso dall’I.N.P.S

Tribunale di Bologna, Sezione Lavoro, Ordinanza cautelare del 22/06/2015 in materia di: Accertamento ispettori del lavoro - verbale unico di accertamento - avviso di addebito I.N.P.S. - opposizione avviso di addebito I.N.P.S. - ordinanza di accoglimento totale della sospensiva. Si segnala una Ordinanza del Tribunale di Bologna di accoglimento totale della richiesta di sospensione dell'efficacia esecutiva di un Avviso di addebito emesso dall'I.N.P.S., Ordinanza emessa in data 22 giugno 2015, dal Tribunale di Bologna - Sezione Lavoro (Giudice Dott. Marchesini), in...

Leggi di più...

Diritto allo spostamento del punteggio SSIS per i docenti inseriti nelle graduatorie ad esaurimento

Tribunale di Rimini, Sezione Lavoro in tema di: spostamento del punteggio tra classi di concorso. Si segnalano due recenti Sentenze del Tribunale di Rimini, Sezione Lavoro, del 24 marzo 2015 riguardanti il diritto dei docenti inseriti nelle graduatorie ad esaurimento di poter trasferire il punteggio (di servizio e quello conseguito a seguito di abilitazione), precedentemente imputato ad una specifica graduatoria, da una classe di concorso a un'altra, che ha visto accolte integralmente le tesi avanzate dall'Avv. Marco Masi. Con...

Leggi di più...

Diritto alla conversione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato per i lavoratori precari del settore scuola

Tribunale di Napoli Si segnalano le recenti sentenze del Tribunale di Napoli nn. 528, 529 e 530 del 21 gennaio 2015 che accertano il diritto dei lavoratori precari del settore scuola alla conversione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato. Con tali pronunce il Giudice del Lavoro ha anche condannato il Miur al pagamento in favore dei ricorrenti delle retribuzioni contrattualmente dovute per i periodi di interruzioni del rapporto di lavoro e la effettiva immissione in...

Leggi di più...