Taking too long? Close loading screen.

Istruzione parentale: da quest’anno si cambia

Istruzione parentale: da quest’anno si cambia

La recente novella D. Lgs. 13 Aprile 2017 n.62 ha apportato delle modifiche in tema di istruzione parentale, ponendo maggiori obblighi in capo a coloro i quali detengono la responsabilità genitoriale.

Non è stato scalfito il diritto, costituzionalmente tutelato, di adempiere all’obbligo scolastico anche privatamente, ai sensi dell’art 111 del D.lgs 16/04/94 n.297.

L’ordinamento italiano ammette, infatti, la possibilità – per i genitori o per chi detiene la responsabilità genitoriale – di non far frequentare la scuola dell’obbligo ai minori, ma di svolgere un percorso di istruzione “privato”, autogestito o con l’ausilio di soggetti esterni.

Connesso a tale diritto, resta fermo l’obbligo – per i genitori o per chi detiene la responsabilità genitoriale – di “dimostrare la capacità tecnica o economica e darne comunicazione anno per anno alla competente autorità, che provvede agli opportuni controlli”.

Sono diventati maggiormente stringenti, però, gli strumenti di controllo statale.

La disciplina previgente prevedeva che fosse sufficiente la comunicazione della scelta di non avvalersi dell’istruzione scolastica in favore del c.d. homeschooling e che non fosse obbligatorio lo svolgimento degli esami di idoneità. Adesso la situazione è mutata.

La più recente novella –D. Lgs. 13 Aprile 2017 n.62 ex art. 23 ha ribadito che “in caso di istruzione parentale, i genitori dell’alunna o dell’alunno, della studentessa o dello studente, ovvero coloro che esercitano la responsabilità genitoriale, sono tenuti a presentare annualmente la comunicazione preventiva al dirigente scolastico del territorio di residenza”.

La norma ha, però, introdotto l’obbligo, per i minori in istruzione parentale di sostenere “annualmente l’esame di idoneità per il passaggio alla classe successiva in qualità di candidati esterni presso una scuola statale o paritaria, fino all’assolvimento dell’obbligo di istruzione”.

Pertanto dall’a.s. 2017/2018 è obbligatorio che i minori in regime di istruzione parentale sostengano alla fine di ogni anno scolastico un esame di idoneità in una scuola statale o paritaria, fino all’assolvimento dell’obbligo.

Comment (1)

  • Sonia rispondere

    È possibile che chiedano di fare l’esame di idoneità ad un bambino che dopo mezzo anno di educazione parentale a gennaio è stato iscritto alla prima classe di una scuola primaria privata che inizierà a settembre 2018?
    Ci si può opporre alle pressioni della scuola senza traumatizzate il bambino?

    27 aprile 2018 a 21:23

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

If you agree to these terms, please click here.